TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SUL TAPPO SPUMANTE #5

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SUL TAPPO SPUMANTE #5



LEGGI QUI LA PARTE #01

LEGGI QUI LA PARTE #02

LEGGI QUI LA PARTE #03

LEGGI QUI LA PARTE #04

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SUL TAPPO SPUMANTE #5
Alessandra Possamai, Responsabile Qualità Portocork Italia

5. IL DIFETTO DELLA CONFORMAZIONE A CHIODO DEL TAPPO SPUMANTE 

Uno dei difetti più frequenti nel tappo spumanti può essere la conformazione “a chiodo”, o “a cavicchio” del gambo e si verifica a seguito del mancato recupero del suo volume iniziale dopo la stappatura. Viene spesso associato alla capacità di tenuta del tappo e alla perdita di elasticità del sughero.
Si deve invece ricordare che la tenuta del tappo spumante è legata all’ “effetto corona” e pertanto l’eventuale perdita di gas è correlata alla mancata tenuta della testa del tappo piuttosto cha alla sua conformazione a chiodo.
La perdita di elasticità del sughero può essere associata alla struttura difettosa del sughero o una compressione eccessiva, o ad altri fattori correlati alla bottiglia.
Per verificare l’effettiva perdita di elasticità del tappo è possibile svolgere una prova di recupero volumetrico: solo quando dopo bollitura per alcuni minuti il tappo non recupera il suo volume iniziale, allora si può concludere che ha perso l’elasticità.
Le cause della conformazione “a chiodo” possono essere l’eccessiva compressione e distruzione della memoria elastica, lo stoccaggio orizzontale molto lungo delle bottiglie, la scarsa pressione al momento della tappatura, l’innalzamento del tappo dalla baga prima della gabbiettatura oppure la mancanza di gas.